Salvare una vita mentre sei a scuola, grazie ragazzi

Pochi giorni fa un arresto cardiaco nei pressi dell'Istituto Selmi, ha azionato un applicazione sugli smatphone dei nostri studenti Samuele e Martina, che allertati, hanno prontamente seguito quanto imparato durante il corso di formazione BLS-D in educazione civica e sono prontamente intervenuti, contribuendo così a salvare una vita.

Abbiamo chiesto loro cosa è successo, e di seguito riportiamo le parole dei due protagonisti su ciò che è accaduto e cosa li ha spinti ad agire.

Questo è il racconto di Samuele:

“Al termine della seconda ora di lezione, sui nostri telefoni è scattata l'allerta sull'app DAE Responder che citava un arresto cardiaco nel bar adiacente alla scuola. Inizialmente eravamo un po' tutibanti su come comportarci in quanto la lezione era ancora in corso ma una volta realizzata la gravità della situazione abbiamo capito che era necessario agire. Siamo intervenuti prendendo il defibrillatore automatico fornito dalla scuola. Con la coordinazione dell'operatore del 118 siamo giunti sul luogo dove abbiamo trovato un uomo di età avanzata incoscente e supino sul pavimento, con un uomo che praticava il massaggio cardiaco. Dopo aver praticato le manovre BLS l'uomo ha ricomiciato a respirare e il suo cuore a battere. Una volta arrivati i sanitari del 118 hanno preso in carico la situazione. Le emozioni sono state intense ed è stato fondamentale mantere la calma sul momento. Per fortuna l'uomo si è ripreso e gli auguriamo una pronta guarigione.”


Segue la descrizione di Martina:

“È stata una situazione complicata, abbiamo dovuto prendere una decisione e agire in fretta. Non avevamo ancora compreso la gravità dell’emergenza ma ci siamo aiutati a vicenda. Questi momenti ci fanno capire quanto sia importante frequentare i corsi di primo soccorso, interni ed esterni alla scuola. Si tratta di nozioni basilari che possono veramente aiutare una persona in difficoltà. Sapere come effettuare correttamente una chiamata al 118, capire se una persona respira o è incosciente sono azioni che ogni persona dovrebbe saper fare. Siamo felici di essere riusciti ad aiutare il signore colpito dal malore, insieme alla collaborazione dello Staff del bar e dell’intervento tempestivo dei sanitari del 118.



Da parte dell'Istituto Selmi, un sentito grazie a Martina e a Samuele per la prontezza d'azione e per il bellissimo gesto d'altruismo.